Sala Diomede

La sala è dedicata al marchese Diomede Bourbon di Sorbello (1743-1811).
Fu educato presso l’Accademia Militare di Torino dove, al servizio dei Savoia, divenne Primo Scudiero della principessa di Piemonte e Gentiluomo di camera del Re nel 1782. Negli anni torinesi strinse un’amicizia profonda con Vittorio Alfieri, suo compagno di studi all’Accademia Reale. Sposatosi nel 1790 con Vittoria Pitti Gaddi, si trasferì a Firenze dove frequentando il salotto della contessa d’Albany, conobbe intellettuali e artisti come Pietro Benvenuti, Carlo Lasinio e François Xavier Fabre. Uomo di cultura, autore di traduzioni dal francese, fu accanito collezionista di incisioni e di libri pregiati alcuni dei quali vengono esposti in questa sala.